IN QUALUNQUE CONTESTO (con audio)

Estate, per molti tempo di vacanze, tempo per pensare a cose felici, soprattutto sull’affollatissimo corso di Tropea del 10 agosto.

Eppure, ieri sera su Radio Ciak, sono riuscito ad accennare alla gioia immensa per la nascita di nostra figlia e alla tristezza infinita per la tua morte, forse mettendo la spigliata intervistatrice in una situazione delicata già dalle battute iniziali.

In quella cornice, infatti, parlarne può esser sembrato strano a chi, passeggiando, ci vedeva in vetrina e riusciva a percepire solo spezzoni di quello che dicevamo.

Ho parlato di ciò che è successo dopo quel 5 gennaio, di quello che ho scritto e disegnato per esprimere le emozioni provate.

Ho raccontato dal vivo le storie che più mi hanno aiutato ad andare avanti: la rana Tizia e la stanza dei mille demoni.

Ho parlato della solidarietà ricevuta da tanti, in particolare da Nicola Lico, la cui canzone Una rosa nel cielo  è risuonata anche per il corso di Tropea.

Ho anche parlato del libro che io e te abbiamo scritto a quattro mani e del suo sottotitolo, Amore che genera Amore, perché mi auguro tanto che la nostra storia, in qualunque contesto sia raccontata – su una allegra radio estiva, su una trasmissione impegnata, per le strade – possa ispirare tanti altri in modo positivo e costruttivo.

Nell’audio 32 (Extra 11) una chiacchierata con Valentina Crudo di Radio Ciak – Tropea Summer Radio (10/08/2017)

LA NOSTRA CANZONE

Ho scritto queste righe nel giorno di Pasqua:  giorno di Resurrezione, anche e soprattutto di chi se n’è andato troppo presto.

Era da tanto che non ascoltavo quella canzone, eppure, stamattina alla radio, mentre ero in macchina con Pasquale, le sue note e le sue parole mi hanno fatto ripensare a quando, per sorprenderti ancora una volta, ho voluto fartela trovare nello stereo di casa, quando, appena sposati, ti ho fatta entrare, portandoti in braccio, nella tua nuova casa.

L’ho detto subito a Pasquale, che quella era la nostra canzone, quella che ascoltavamo spesso alla radio nei nostri primi tempi insieme, e gliene ho tradotto un bel pezzo, mentre lui ascoltava curioso.

Grazie, dolce amore mio, per avermi voluto dare un altro segno della tua costante presenza. Ti amo tanto.

La canzone e i testi della stessa sono copyright degli aventi diritto.

Testo della canzone, con traduzione in italiano (Link esterno)